Due vite. Emauele Trevi

"Più ti avvicini a un individuo, più assomiglia a un quadro impressionista, o a un muro scorticato dal tempo e dalle intemperie: diventa insomma un coagulo di macchie insensate, di grumi, di tracce indecifrabili. Ti allontani, viceversa, e quello stesso individuo comincia ad assomigliare troppo agli altri. L’unica cosa importante in questo tipo di ritratti scritti è cercare la distanza giusta, che è lo stile dell’unicità."

 

 

così comincia questo splendido romanzo di Emauele Trevi, vincitore del premio strega 2021.

 

 

L'autore racconta dell'amicizia e di come a volte l'anima gemella non la si trova dentro una relazione di coppia dove ci si aspetterebbe, ma nelle persone che ci accompagnano nella nostra vita: qui sono descritte in modo molto dettagliato le personalità di Rocco Carbone e Pia Pera scrittori prematuramente scomparsi qualche tempo fa e legati, durante la loro breve esistenza, da profonda amicizia.

 

 

Rocco Carbone viene descritto come una persona polemica, aggressiva, puntigliosa, dedita all'acool, permalosa, egocentrica e a tratti egoista... eppure nelle parole di Trevi leggiamo tra le righe come forse lui ha letto tra i tratti "lo strato più intimo e indifeso della natura di Rocco", che "Non riusciva mai a percepire un voler bene silenzioso e privo di manifestazioni tangibili. E se il prezzo di ciò di cui più aveva bisogno era il far sentire in colpa gli altri, ebbene, si sentissero in colpa!"

 

 

 Pia Pera invece viene descritta come "una specie di Mary Poppins all’incontrario, per nulla pedagogica, dotata di pericolose riserve di incoerenza e suscettibilità stranamente amalgamate a una dolcezza del carattere che a volte erompeva in maniera commovente dai modi ironici e maliziosi"

 

 

 

Trevi conduce il lettore in molte riflessioni intorno al tema dell'amicizia, mi ha colpita molto quando paragona gli amici a "rappresentazioni delle epoche della vita che attraversiamo come navigando in un arcipelago".... è molto potente questa metafora che conduce il lettore a dare un suo pensiero alla domanda cos'è veramente una relazione.... 

 

gli amici a volte ci fanno da specchio e spesso ci rimandano un'immagine di noi che non ci piace,sarà successo a tutti di essere, almeno una volta nella vita, accusati di qualcosa che è solita fare la persona che ci sta accusando, ecco questa è la proiezione....

 

la proiezione è un meccanismo di difesa in cui ci liberiamo di parti scomode di noi vedendole, scaraventandole in altri, così facendo non le affrontiamo mai veramente: per dirla alla trevi, quell'amico  e ciò che ci infastidisce di lui è la rappresentazione di una parte di te!

lo stesso vale per ciò che adoriamo degli amci: sono parti di noi che hanno bisogno di essere amate e circondate da persone simili per poter venir fuori pienamente.

 

quando ci infastidice o al contrario ci affascina un tratto di un caro amico, quello è un buon momento per farsi domande su se stessi... cosa dice di me la cosa che mi irrita o mi attrae dell'altro?

 

il racconto attraversa anni e periodi storici e non manca mai di coinvolegere il lettore nei meandri della personalità dei due protagonisti perfettamente delineati dal sentimento nei loro confronti.

  

lo definirei amorevole come libro, perchè per tutte le sue righe l'amore si respira!

 

Ti piace questo contenuto? Condividilo sui social:

9-11-2021
"Io sono l'abisso" Donato Carrisi.... Vittima, persecutore e salvatore

Carrisi non smentisce le aspettative del lettore suo appassionato fan: questa storia racconta i meandri abissali dell’animo umano nelle sue sfaccettature più patologiche; i protagonisti del romanzo Sono tutti vittime, carnefici e salvatori , offrendo l’occasione per parlare di una teoria molto interessante.

 

 

Secondo Stephen Karpman, analista transazionale americano, in molte interazioni le persone rispettano una sorta di schema, in cui recitano la propria parte come se seguissero un copione. Questo schema è rappresentato da un triangolo, in cui a ogni vertice corrisponde un ruolo. I tre ruoli sono: persecutore, salvatore, vittima.

 

 

Queste dimensioni coesistono in ognuno di noi, I ruoli non sono fissi, ma intercambiabili. È possibile passare da un ruolo all’altro e giocarne più di uno contemporaneamente. L’intensità del dramma varia in base al numero di cambiamenti di ruolo e al lasso di tempo in cui avvengono.

 

 

I personaggi di Carrisi sono oggettivamente vittime di abusi e violenza nel peggiore dei casi, stereotipi e pregiudizi nel migliore, ma tutti nella loro evoluzione riescono anche a trovare dentro di sé la parte di carnefice e la parte di salvatore.

 

 

Ne “io sono l’abisso” le persone che maggiormente alloggiano nel ruolo di vittima sembrerebbero essere le donne della storia, ma con un colpo di coda finale ci racconta quanto anche in loro ci siano gli altri aspetti.

 

 

I  miei complimenti per aver scelto un tema attuale e drammatico come la violenza di genere associata ai suoi pregiudizi, non a caso a mio parere il suo libro è uscito a cavallo del 25 novembre, giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

 

 

Affronta in modo molto profondo il tema dell’Umiliazione . “Si rese improvvisamente conto che nessun maschio avrebbe mai potuto provare quel genere di sofferenza che ti fa sentire inferiore oltre che vulnerabile . Non era solo il frutto di uno scontro impari . Era l’improvvisa consapevolezza , quasi un’illuminazione , che dietro la brutalità si celasse un insopportabile senso di superiorità . Non mi ha picchiata perché è più forte , mi ha picchiata perché pensa di averne il diritto

 

 

In questo diritto si nasconde il tema dell’ essere vittima, la violenza di genere è ampliamente celata e mantenuta nella cultura che impone la donna santificata come madre e, complice come compagna.

 

 

Le donne vittime di violenza credono di trovare la forza di reagire ai soprusi, resistendo. Sono convinte di ricavare il loro potere e la loro autostima tenendo duro, spesso non muovendosi dal ruolo di vittima, posizione questa che riusulta incomprensibile ad un occhio esterno, in realtà il bisogno di dipendenza e la forza di resistere è probabilmente l’unico modo che hanno per sentirsi  valevoli;  senza provare oppressione, non saprebbero come sentirsi di valore, perché la tristezza della loro storia le ha fatto credere che il valore sia stare in piedi nella sofferenza.

 

 

Nelle donne della storia albergano anche gli altri due ruoli di carnefice e salvatore ma sono soffusi, indistinguibili, li possiamo notare nella ragazza vittima delle violenze del fidanzato con la porche, che si rivolta contro l’aiuto della cacciatrice di mosche, “salvando la sua storia/posizione” e diventando contemporaneamente carnefice di se stessa.

 

 

Quanto spesso si sente questa negazione nelle donne vittime di rapporti violenti? come detto sopra, rinvigorendo il suo carnefice interiore si rinforza la parte vittima che crede e spera di poter trarre potere ed efficacia dalla resistenza al persecutore (senza rendersi conto che spesso questo persecutore è appunto prima di tutto dentro la donna stessa!).

 

 

L’altra donna che soggiorna in questo ruolo è la ragazzina protagonista e vittima reale di revenge porn(complimenti per il tema di estrema attualità!). La ragazza è anche visibilmente la salvatrice dell’uomo che puliva, liberandolo dal non-sense della sua vita: se tu fossi annegato da bambino lo sarei stata anche io!

 

 

In questa pre-adolescente il ruolo di carnefice è meno visibile ma pur presente, con lo stesso meccanismo delle donne vittime di violenza: agendo contro se stessa (con i due mancati/tentati suicidi) rinforza la vittima che è in lei, la quale punta nel recupero del rapporto con il padre attraverso una empatia che risulterà irrealistica.

 

 

Altra donna chiave del romanzo e altra vittima è la cacciatrice di mosche: Carrisi ce la delinea in ogni particolare nella sua depressione e rassegnazione,;anche in lei è visibilissima la salvatrice: il suo scopo di vita è salvare le altre donne, perché la vittima che è in lei ha subìto uno dei dolori più atroci che una madre possa patire.

 

 

La sua persecutrice interiore la si scorge nel fatto che viene descritta come incastrata nel presente, costretta a fare una cosa per cercare di lenire i suoi dolori, un po' come il sue ex marito, un alcolista che placa con l’alcool ciò che l’alcool danneggia esplicitando benissimo l’assioma dell’intero romando, il male è un cerchio!

 

 

Vivere nel presente ed in una casa piena di angoscia è il modo che ha per ricordare a se stessa il male che non ha impedito, in questo caso la persecutrice che è in lei la rende vittima e la sua forza è la punizione che crede di star subendo con giustizia morale.

 

 

Il protagonista maschile è quello che descrive magistralmente i 3 ruoli, in quanto Carrisi ce lo delinea con chiari tratti di un disturbo da identità multiple: due identità ben distinte, la vittima ed il persecutore, mentre il salvatore non ha fatto in tempo a delinearsi perché l’epilogo sarà repentino.

 

 

Vittima di abusi e violenze, rinasce dalla melma di una piscina, si è spesso interrogato sul senso della sua vita, invisibile agli occhi del mondo che conosce e che si dovrebbe prendere cura di lui, visibile solo come vittima di odio, anche lui comincia a trovare un senso nel resistere alla paura e al dolore, si comincia a percepire bravo nel fare questo: non sono morto, vuol dire che esisto e sono forte.

 

 

Il meccanismo che si insinua anche in lui è la necessità del dolore per poter di nuovo sentirsi valevole, se lo procura per avere la possibilità di essere forte, visto che non avrà paura, fino a che non scoprirà che dentro di sé vive anche un salvatore e, a quel punto il triangolo drammatico della sua personalità si completa.

 

 

 

Questo romanzo ha molto di psicologico, ci ricorda quanto tutti noi ci alterniamo in questi tre ruoli di vittima, carnefice e salvatore: la salute sta nella integrazione dei tre ma soprattutto nel saperli riconoscere dentro di noi, nel provare a guardarli da fuori .

 

 

Sia nella posizione di vittima, sia nella posizione di carnefice è ben comprensibile come sia insinuato un dolore ed un malessere, tuttavia, Carrisi ci aiuta a vedere bene quanto anche il ruolo del salvatore sia una trappola dorata: infatti ci obbliga a fare qualcosa, ce lo impone moralmente o ci permette di continuare ad essere vittime…. Ed anche quando  salva qualcuno, spesso soffoca noi! Ed impedisce di vivere  appieno le nostre scelte.

 

 

Bravo Carrisi, ottima descrizione della sofferenza umana.

 

 

Ti piace questo contenuto? Condividilo sui social:

6-12-2020
La stanza degli ospiti, Dreda Say Mitchell.... una storia di validazione

"Per quanto io tenti di aumentare la mia dose di coraggio, in me c’è un seme di paura che non la smette di crescere."

Questo libro tratta della storia di una grande sofferenza, è possibile seguire la protagonista attraverso le peripezie esterne che la investono, ma soprattuttto attraverso i meandri della sua mente che si svela al lettore nel pieno della sua rimuginazione sofferta, senza però mai aver l'impressione di essersi persa nella totale mancanza di controllo.

Lisa ha una storia che è la storia di ognuno di noi: non è facile fare i conti con il proprio passato, soprattutto se celato dietro una cura dell'apparenza, come accade in molte famiglie.

Un passaggio interessante dice:

"È questo che accade nelle famiglie come la mia: se l’imbarazzo bussa alla porta, lo si invita a entrare, lo si disinnesca in maniera permanente e poi lo si spazza via nascondendolo sotto il tappeto." e ancora "Migliore. Non è forse sinonimo di eccellente, straordinario, supremo? È così che le sembra la situazione? Poi mi viene in mente che è una di quelle parole di copertura dietro cui si nascondono le famiglie della classe media come la mia, in modo da non dover fare i conti con le emozioni"

Lisa ci racconta della fatica emotiva di integrare il proprio passato drammatico nella vita presente e contemporaneamente proiettare un’immagine di noi al mondo, ma come prosegue l'autrice "dentro c’è sofferenza, c’è dolore, ci sono ricordi che ci perseguitano e che non se ne andranno mai."

 

I tentativi di analisi che spesso si fanno non sono proficui, soprattutto se si ha una smania di etichettare con le diagnosi «Per tutti questi anni mi sono rivolta a un’infinità di terapisti che mi hanno fatto ogni genere di diagnosi – hanno detto che ero ossessiva, vittima di bullismo, affetta da stress post-traumatico, matta da legare – mentre, per tutto il tempo, ho sofferto del male più umano che esista: un cuore spezzato».

L'autrice centra un punto molto frequente in terapia: molte delle persone che approdano nello studio di psicoterapia, da bambini non hanno subito un trattamento da essere umani, sono stati disconfermati continuamente, trascurati in modo estremo e hanno imparato a dissimulare la sofferenza, arrampicandosi in questa vita; cercano equilibrismi che li portano a mettere le spunte su quelle che sono le tappe fondamentali della cultura in cui sono vissuti.

Ed una volta messe le spunte, ci si rende conto della ruota da criceto in cui stanno correndo: dov'è la vicinanza emotiva a ciò che pensano , sentono o sono? 

Approdati in analisi, cercano diagnosi come se dietro quella parola ci fosse la verità, in realtà ancora una volta non saranno visti se messi dentro una casella.


Viviamo con Lisa la sua ricerca della verità che, lei sa, le darà questa corrispondenza con se stessa:;ho trovato interessante recensirlo, perchè la sensazione che accompagna tutto il libro assomiglia molto alla storia di una psicoterapia: si parte dalla totale mancanza di fiducia in se stessi e nei propri ricordi, si attraversano momenti di assoluto buio che piano piano vengono riconosciuti veri e validi per chi li racconta e chi li ascolta, questa corrispondenza si chiama validazione, e da lì parte la storia d'amore con se stessi.

Ciò che cura non è la diagnosi o il protocollo di trattamento, come non è il sapere esattamente cosa ci è accaduto da bambini ma essere validati e piano piano imparare a darsi valore e conferire senso e validità ai propri pensieri ed emozioni anche quando tutta la realtà intorno sembra continuare a sconfermare le tue tesi.

 

Ti piace questo contenuto? Condividilo sui social:

15-7-2020
Fiori sopra l'inferno, Ilaria Tuti

#Fiorisopral'inferno di #ilariatuti è un libro abbastanza complesso, di non facile lettura almeno all'inizio: ho faticato molto ad entrare nella dinamica del racconto e più volte ho pensato di mollarlo.

Come descrive per le pareti dell'Istituto, anche  alle parole del racconto è legato il dolore della storia e dei personaggi; in fondo è una storia di morte e dolore e la scrittrice ha sottolineato molto bene nella fluidità del racconto questo aspetto, quasi ricreando verso la lettura quel senso di repulsione naturale che tutti abbiamo verso la morte, accompagnato dalla curiosità morbosa, tipica dell'essere umano di fronte al macabro, e questo spinge a continuare a leggere.

 

 

Il personaggio di Teresa è la chiave del racconto, è veramente definito nei dettagli, una donna dall'apparenza sgorbutica che per il sol fatto di essere tratata con gentilezza perchè donna, si sente discriminata.

La sua anima è molto matura, ha imparato a convivere con #paura e #disperazione, alimentando una profonda #compassione per se stessa, atteggiamento che la aiuta nell'indagine verso la cattura di questo essere animalesco; lei lo comprende e, l'autrice attraveroso di lei,  ce lo fa vedere come la prima vittima della storia terribile di cui è protagonista, sa che i mostri vedono l'inferno che abbiamo sotto i piedi, mentre tutti noi ci limitiamo a contemplare i #fiori che crescono sul terreno.

 

 

Gli altri protagonisti di questa storia sono i #bambini, Teresa è molto brava a connettersi con la sua bambina #interiore e di nuovo è fenomenale nel capire le dinamiche del gruppo di bambini, leali l'un l'altro e si inserisce in modo naturale nella fiducia di questi esseri fragili del paese di Travenì. Tutto ciò permette di divenire noi lettori consapevoli del legame inversamente proporzionale che esiste tra la preziosità di un'esistenza e il tempo passato sulla terra, facendocelo sentire nel profondo.

 

 

Gli abitanti omertosi, o il collega Marini fanno da sfondo a questa indagine macabra: i primi rappresentano la natura fragile legata all'apparenza che tollera male la coesistenza delle tragedie nella prorpia storia, l'altro è una chiave di volta per il personaggio di Teresa, la prende sul serio, non reagisce ai suoi atteggiamenti sgorbutici difensivi, va oltre e vede la sua anima.

 

 

In conclusione trovo un bel percorso di crescita nella lettura di questo libro, ci aiuta a far coesistere dolore e vita nella stessa comunità, stanza, persona, anima!

 

Ti piace questo contenuto? Condividilo sui social:

23-4-2020
Il libro dei baltimore, Joel Dicker

Un bel viaggio nei meandri dell'amore e dell'adolescenza con tutti i loro risvolti drammatici.

Direi che il fil rouge è "il primo amore non si scorda mai"...e ci accompagna nel corso della nostra vita!

Il racconto è tutto un salto tra passato e presente, una serie di flashback che ricordano il thriller nell'intensità della storia e nel suo intreccio; si parte dalla storia di 3 ragazzi che, con le rispettive intemperanza adolescenziali  diventano adulti con le loro scelte da compiere, si passa attraverso gli adulti di oggi che fanno scelte sulla base del passato che hanno avuto, ma non si apprda esattamente nel futuro: il lettore ha la sensazione che ogni strada è possibile avendo rielaborato e  integrato il senso della propria storia.

Trovo molta similitudine con la psicoterapia in questo senso: le strade infinite che si aprono quando la storia della propria vita diventa un punto di partenza piuttosto che la guida incoscia.


Come in ogni psicoterapia c'è una tragedia: nel racconto fa da spartiacque  sottolineando la differenza tra uomini e donne, e come si evolvono: gli uni si ridimensionano nei simboli che avevano acquisito prima, e le altre si rivelano svelando tratti misteriosi e ambigui.

Anche queste evoluzioni sono spesso visibili nei pazienti, rielaborare la propria storia vuol dire abbandonare le difese nevrotiche che mantenevano un equilibrio sintomatologico, per approdare in una realtà ridimensionata e meno definita.

 

Ti piace questo contenuto? Condividilo sui social:

11-2-2020